Centro per la Promozione della Legalità Pavia- Violenza sulle donne

Il giorno 25 novembre 2018 presso l’istituto superiore G. Galilei di Voghera, per la giornata contro la violenza sulle donne, gli studenti hanno realizzato diversi cartelloni riportanti frasi a tema, per ricordare l’importanza del sesso femminile nella nostra società e la loro forza per sconfiggere le cicatrici lasciate dai torti subiti.

La violenza contro le donne è la violenza perpetrata contro le donne basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani.

Termine usato molto spesso per definire la violenza contro le donne è violenza di genere. La violenza di genere riguarda donne e bambine, ma coinvolge anche minorenni come ad esempio nel caso della violenza assistita. Questa terminologia è largamente usata sia a livello istituzionale che da persone e associazioni di donne che operano nel settore. Nel 1999 le Nazioni Unite hanno deliberato che il 25 novembre venga considerato come la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Faravelli, ragazze a lezione di autodifesa

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza alle donne, 250 ragazze dell’istituto Faravelli di Broni-Stradella hanno partecipato ad una dimostrazione di difesa personale, tenuta dal maestro “sifu” Sergio Vommaro, responsabile “Evtf Italia” di Stradella (video Serra)
https://video.gelocal.it/laprovinciapavese/locale/faravelli-ragazze-a-lezione-di-autodifesa/104186/104679

Percorso Unipol all’Istituto Bordoni di Pavia

Abbiamo terminato il progetto UNIPOL- i casi della vita, le cui finalità di educazione all’uso consapevole del denaro e alla corretta percezione del rischio economico-finanziario nella vita personale e nella vita d’impresa sono quanto mai attuali. Gli studenti che hanno realizzato i lavori migliori partecipano ad un evento nazionale a tema economico. Il Bordoni ha vinto su 75 scuole partecipanti ottenendo 1^ e 2^ posto. Rappresentanti dei team vincitori hanno partecipato al “Festival della Finanza responsabile” (Uni Bocconi-8 novembre). I principali gruppi finanziari operanti in Italia hanno tenuto conferenze sulle modalità etiche di investimento che realizzano.Gli studenti si sono interfacciati con una testata on-line che si occupa di finanza etica, Etica news. Hanno inoltre sperimentato come fare giornalismo oggi, soprattutto economico, usando Twitter.

LUDOPATIA: L’ AZZARDO DEL GIOCO

I giorni 19 ottobre, 20 ottobre , 27 ottobre 2018  gli studenti  delle classi quarte delle scienze umane hanno organizzato una serie di tre incontri, avente come tema la ludopatia e i suoi pericolosi effetti. L’evento si è tenuto dalle ore 9,30 alle ore 14 il primo giorno, e dalle ore 10 alle ore 13 i rimanenti giorni. I primi due incontri si sono svolti presso la sede Grattoni di via Don Minzoni, mentre l’ultimo incontro si è svolto presso l’Istituto Comprensivo di via Dante. Il 19 ottobre è stata organizzata una mostra interattiva per la sensibilizzazione alla pericolosità del gioco d’ azzardo, il 20 ottobre si è tenuta una riflessione sui rischi del gioco di azzardo con gli operatori della cooperativa sociale “La Collina”, ed infine il 27 ottobre si poteva assistere a una sintesi della mostra del primo incontro e a un dibattito con gli operatori del secondo incontro, in cui hanno preso la parola anche studenti di seconda media, che hanno partecipato all’iniziativa.Grattoni_GAP-Def

Faravelli – progetto “Libriamoci”

Il giorno 26 ottobre del corrente anno, 2018, gli studenti dell’ I.I.S. Faravelli di Stradella sono stati convocati al progetto “Libriamoci”, ove due esperti hanno esposto l’ art.21 della Costituzione Italiana e altri brani relativi al tema della libera manifestazione delle arti, commentandoli con il supporto dei ragazzi.

44866091_1942406249128021_338845857065467904_n

“ Libertà e legalità” all’IIS Faravelli di Stradella

Il 26 aprile 2018, presso il Teatro sociale di Stradella si è tenuto uno spettacolo teatrale, a cura degli alunni delle classi IV B Sr, IV A Afm, V Cat, III A As dell’I.I.S. Faravelli  , dal titolo “ Libertà e legalità”, in ricordo della Resistenza fino ad arrivare all’attuale lotta contro la criminalità organizzata.

Al termine sono intervenuti Rosanna Scopelliti, figlia del giudice ucciso nel 1991 dalla mafia e Presidente della fondazione omonima, Romana Bianchi dell’ANPI provinciale di Pavia e Tiberio Bentivoglio. Quest’ultimo ha portato la sua toccante testimonianza di imprenditore che non ha voluto piegarsi al racket e da anni lotta contro la ‘ndrangheta calabrese. Ha subito anche un attentato dal quale è riuscito miracolosamente a salvarsi.

Abbiamo realizzato un flipbook ricordo dell’evento, potete sfogliarlo cliccando sull’immagine sottostante:

Un articolo sui CPL

Su Tuttoscuola di aprile, un articolo dedicato ai CPL:

1. “Gli strumenti della legalità dei CPL per il sistema scolastico e produttivo della Lombardia” È alla sua terza Edizione la Convenzione tra Regione Lombardia e USR Lombardia “Gli strumenti della legalità dei CPL per il sistema scolastico e produttivo della Lombardia”, approvata all’inizio dell’anno 2018, a sostegno dei percorsi progettuali dei Centri di Promozione della Legalità CPL della Lombardia. Negli anni scolastici 2017/2018 e
2018/2019 i CPL avranno la possibilità di continuare le loro azioni di specializzazione sui temi del contrasto alla corruzione e alla criminalità organizzata con una particolare attenzione al mondo dell’impresa. A tal proposito i CPL
dovranno organizzare percorsi di Alternanza Scuola Lavoro, nei quali siano valorizzati “gli aspetti dell’anticorruzione o di tutte le componenti (responsabilità sociale, riconoscimento del valore delle norme, fondamenti valoriali ed etici…) che concorrono alla costruzione di una gestione/am ministrazione legale e trasparente dell’impresa”. Dovranno inoltre essere stipulate Convenzioni con imprese, associazioni, enti e istituzioni che consentano il raggiungimento di finalità educative e formative coerenti con gli ambiti tematici del progetto e con l’obiettivo di instaurare un rapporto di proficua e reciproca collaborazione tra mondo della scuola e mondo produttivo. Un modello di reti provinciali, i
CPL, che da quest’anno saranno coordinate da un Tavolo tecnico regionale costituito da tutti i referenti dei CPL, da rappresentanti di Regione Lombardia e dell’USR Lombardia, con la finalità anche di raccogliere e pubblicare i materiali didattici realizzati nel triennio della loro storia.

I giovani e la costituzione

Nella giornata di lunedì 23 aprile 2018, presso l’Istituto Comprensivo di Bressana Bottarone in Via 4 Novembre, 18, alle ore 11 si terrà un incontro finalizzato alla formazione degli studenti in merito alla legalità per una cittadinanza attiva e responsabile tenuta dall’Avvocato Stefano Giordano. Saranno i benvenuti tutti coloro che sono interessati.

locandina Ed.legalità 2017-18 (3)

Rosanna Scopelliti all’IIS Faravelli

In occasione della” Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, le classi quarte e quinte dell’I.I.S. Faravelli di Stradella hanno incontrato Rosanna Scopelliti, ex parlamentare e figlia del giudice Antonio , ucciso dalla ‘ndrangheta nel 1991.

«Studiate, fate domande, dovete essere liberi di scegliere da che parte stare nella vita, anche se è quella più difficile». Lo ha detto, ieri mattina, in occasione della Giornata memoria vittime innocenti di mafia, agli studenti delle classi quarte e quinte del Faravelli, Rosanna Scopelliti, ex parlamentare, figlia del giudice Antonio, ucciso dalla ndrangheta in Calabria nel 1991, e presidente della Fondazione omonima intitolata al padre. La giovane ha raccontato agli alunni, coinvolti nel progetto “Libertà e Legalità” con Fondazione Scopelliti e Anpi Stradella, la sua esperienza di figlia, della «normalità surreale» in cui viveva la sua famiglia, dei rischi che il padre sapeva di correre.Ha gli occhi lucidi la ex deputata quando torna al 9 agosto 1991 (aveva 7 anni), mentre

si trova con i nonni al mare: «Quel giorno avevo voglia di sentire mio padre al telefono per raccontargli come avevo imparato ad andare in bici, ma quella telefonata non c’è mai stata – ricorda -. E’ stato un dolore fortissimo, come un bicchiere di vetro che va in mille pezzi». (o.m.).