Memorie del Liceo Ricerche nei nostri archivi – Il Liceo "Grattoni"

28 dicembre 2010

Il Regio Liceo Ginnasio nel ventennio fascista

Filed under: — Aurora Bonfoco @ 19:47

Nell’anno scolastico 1923/24 anche nel Liceo Ginnasio “Grattoni” viene introdotta la riforma  Gentile, all’interno della quale il Liceo classico diventa l’unico organismo formativo che apre l’accesso a tutte le facoltà universitarie. Nel febbraio del 1927 si registra la prima lezione del corso di religione.

  Nel 1932 cominciano i lavori per la costruzione del nuovo edificio del Ginnasio-Liceo nella attuale  via Don Minzoni (allora via Torino), su progetto dell’ingegnere E. Mollino; i lavori terminano nel 1934, ma il nuovo liceo ospita gli studenti già a partire dal 6 novembre 1933.

    Nella scuola vogherese, come altrove, durante il ventennio si assiste al tentativo di formare secondo il modello fascista i giovani italiani e diffondere i principi dell’ideologia di regime: nei diversi verbali si registrano l’introduzione della nuova datazione dell’Era fascista (dal 1927), l’iscrizione in massa degli alunni alle organizzazioni giovanili di partito, con obbligo di partecipazione al Sabato fascista (a cui, talvolta, si partecipa con “scarso senso di disciplina scolastica e di sensibilità politica”, come lamenta il Preside Incutti nel marzo del 1941, promettendo, inoltre, voti negativi in condotta agli assenti),  la censura sui libri di testo, la partecipazioni ai Ludi Juveniles dello sport, della cultura e dell’arte, l’istituzione di corsi supplementari di cultura fascista e di illustrazione dei nuovi territori dell’Impero, l’introduzione dell’uso del moschetto e dello studio dell’etica fascista a completamento dell’istruzione scolastica.

Jacopo Dentici

D’altra  parte fra i banchi del Liceo maturano anche coscienze di opposizione al fascismo, come testimoniato da giovani che, dopo il 1943, si distinguono per il loro antifascismo attivo, quali Jacopo e Ornella Dentici, Piero Fontana, Spartaco Franzosi.

In seguito all’emanazione delle Leggi razziali, nell’ottobre del 1938 viene estromesso dall’incarico, in quanto “di razza ebraica”, Il Preside Dino Provenzal, nota personalità di studioso alla guida del Grattoni dal 1930: la sua firma scompare dai registri dei verbali senza alcuna spiegazione.

Il 28 aprile 1945 nel Registro del Protocollo del Liceo è registrata in partenza una lettera indirizzata al C.L.N. di Voghera avente per oggetto “Assunzione Presidenza Liceo da parte del Preside prof. Provenzal” , mentre il 12 luglio 1945 si annota in arrivo dal Provveditorato agli Studi di Pavia una seconda lettera avente per oggetto “ Reintegrazione del Preside prof. Dino Provenzal” .

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Powered by WordPress

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo è uno dei siti gestiti dal Liceo Galilei. la nostra policy sui cookie si trova alla pagina http://lnx.liceogalilei.org/cookie/

Chiudi questa finestra