Navigazione veloce
Liceo "G. Galilei" e sez. classica "S. Grattoni" > Avvisi > Nuova edizione del Premio di studio Jacopo Dentici

Nuova edizione del Premio di studio Jacopo Dentici

Tutti gli istituti secondari di secondo grado della Provincia hanno ricevuto in questi giorni copia del Bando relativo al Premio di studio dedicato a Jacopo Dentici e aperto a tutti gli studenti del penultimo e dell’ultimo anno.  Il Premio, a cadenza biennale, fu istituito negli anni Sessanta per ricordare Jacopo Dentici, ex alunno del Liceo Ginnasio “Grattoni” arrestato per il suo impegno nella Resistenza e deportato a Mauthausen dove morì diciottenne nel 1945.

La prova scritta consiste nello stesura di un testo argomentativo (tema) sull’argomento individuato dal Comitato promotore e approfondito dai candidati sulla base di una Bibliografia consigliata dalla Commissione Giudicatrice e anche attraverso letture e riflessioni personali.

Il tema dell’edizione di quest’anno, <I diritti fondamentali irrinunciabili di libertà e uguaglianza nel contesto globale, alla luce delle diverse condizioni economico-sociali e culturali di partenza>, va sicuramente oltre l’epoca storica drammatica in cui Jacopo Dentici è vissuto e ha compiuto le sue scelte: rimangono però validi quei valori e quegli ideali che sono stati alla base della sua scelta e che, sedimentati come eredità della Resistenza nella nostra Carta Costituzionale, possono orientare le nuove generazioni  ad affrontare le nuove sfide di un mondo globalizzato.

 

Il Bando di concorso, la Bibliografia e il modulo per le iscrizioni sono pubblicati  sul sito della scuola: http://lnx.liceogalilei.org/premi-e-concorsi/premio-dentici dove gli studenti potranno trovare anche materiale informativo sulla figura di Dentici: dallo scorso anno esiste una sezione dedicata  https://lnx.liceogalilei.org/pietra-dinciampo/, realizzata in occasione della posa della “pietra d’inciampo” in sua memoria, dove sono visionabili anche il video realizzato dagli studenti e il catalogo della Mostra allestita nel gennaio 2019.

Commenti